23 giugno 2017

Nuovo video sul principio di funzionamento dei riduttori

I riduttori epicicloidali a gioco ridotto sono utilizzati in molte applicazioni industriali. Ma come funzionano? Questa animazione lo spiega in modo chiaro e dettagliato.

13 giugno 2017

Spinatura veloce? La risposta è INIRA

Più volte negli ultimi mesi vi abbiamo parlato di INIRA, vi ricordate? Il rivoluzionario sistema di spinatura di WITTENSTEIN alpha che permette di spinare le cremagliere in tempi record, in modo sicuro e senza rischio di sovraccarichi.

Già con il sistema di montaggio semplificato dei sistemi a cremagliera WITTENSTEIN alpha i tempi per montare le cremagliere al basamento macchina, rispetto a quello tradizionale, sono dimezzati. Si,  perchè non servono regolazioni ripetitive e onerose tramite morsetti e con superfici di riscontro da realizzare sul basamento. In più con INIRA (acronimo di INnovation-In-Rack-Assembly) è ora possibile spinare le cremagliere in molto meno tempo e senza forature in opera.

Grazie al kit di montaggio, che comprende spine di montaggio e bussole brevettate, si può fissare in modo sicuro la cremagliera al basamento semplicemente con un martello di gomma e una chiave a brugola. Quanto tempo ci vuole? All’incirca 1 minuto. Non ci credete?  Provateci; bastano 3 semplici passaggi:

STEP 1

La spina viene inserita nella cremagliera montata e sospinta nel foro spina eseguito precedentemente sul basamento macchina;

 

 

 

STEP 2

Le bussole eccentriche e le spine vengono ruotate in maniera opposta (oraria e antioraria), in modo che la bussola possa essere posizionata manualmente fino all’incirca metà della sua lunghezza;

 

 

 

STEP 3

La bussola viene spinta in sede utilizzando l’apposito martello in gomma.

 

 

Chiedete una dimostrazione gratuita presso la vostra sede (info@wittenstein.it).

31 maggio 2017

V-Drive: una nuova gamma di vite senza fine

Rendimento, robustezza e ingombri ridotti. Questi i plus della nuova gamma di vite senza fine V-Drive di WITTENSTEIN alpha. Una serie tecnologicamente ottimizzata e con un nuovo design che offre massima potenza con il minimo ingombro, pur assicurando la piena compatibilità con i riduttori delle precedenti versioni. Un’importate novità, però, rispetto al passato è la disponibilità di riduzione fino a i=400, con velocità di 6000 rpm.
Sono tre le fasce di prodotto sviluppate, pensate per rispondere alle più differenti esigenze in termini di costi e prestazioni: Advanced, Value e Basic. Vediamole.
V-Drive Advanced, con un ampio spettro di interfacce in uscita e un gioco <2’ risponde appieno alle richieste dei clienti più esigenti. Oltre a un’elevata densità di potenza, assicura un basso gioco torsionale per l’intero ciclo di vita del riduttore e può essere utilizzato sia per applicazioni con funzionamento ciclico, che continuativo.
V-Drive Value, con un gioco <5’ rappresenta il miglior compromesso per le applicazioni che non richiedono precisione assoluta. Con albero di uscita sporgente o albero cavo, è particolarmente apprezzato per l’alta densità di potenza con un gioco torsionale medio.
Completa la gamma il nuovo V-Drive Basic, studiato per le applicazioni in cui l’aspetto economico prevale. Con gioco torsionale <8’, si differenzia per la speciale dentatura, sviluppata per ridurre al minimo la rumorosità in funzionamento continuativo.
Caratteristica comune di questa nuova gamma, oltre alla silenziosità di funzionamento è la possibilità di utilizzo in continuo, grazie all’ottimizzazione delle guarnizioni, per rispondere alle richieste sempre crescenti di maggior produttività delle macchine.

Consultate il flyer per i dati tecnici

Attuatori lineari con vite integrata. Un nuovo design ottimizzato

Esposti per la prima volta a SPS, i nuovi attuatori lineari compatti con vite completamente integrata nello stelo dell’attuatore sono lubrificati a vita e completano la gamma di servomotori e servoattuatori rotativi cyber® dynamic line.
Cosa li rende davvero speciali? Il loro design: l’intero attuatore è inserito in una carcassa in acciaio IP54 e può essere montato in qualsiasi posizione. La vite è racchiusa nello stelo dell’attuatore, è dotata di un meccanismo di antirotazione e non richiede alcuna manutenzione. La guida della vite e i cuscinetti rinforzati, permettono di applicare la forza sia in trazione che in pressione.
Questa nuova serie è disponibile in quattro taglie (con diametro esterno di 17 mm, 22 mm, 32 mm o 40 mm), ciascuna con due possibilità di passo vite e due diverse lunghezze di corsa. In combinazione con gli azionamenti simco® drive permettono di configurare servoassi compatti, con svariate interfacce bus di campo.
I vantaggi rispetto alle soluzioni pneumatiche? I cyber® dynamic line con vite offrono maggiore accuratezza di posizionamento e flessibilità, senza dover riassettare la macchina ogni volta. Sono, quindi, particolarmente indicati per processi con frequenti cambi formato. La miglior controllabilità che offre la tecnologia servo permette la riproducibilità dei processi, che possono essere ottimizzati in base alla corsa o alla forza. Inoltre, questi attuatori sono a tenuta stagna ed offrono una più alta efficienza energetica in funzionamento continuativo.
Scaricate il flyer e guardate il video.

26 aprile 2017

Robot Delta: soluzioni per ogni esigenza

Processi con un altissimo numero di cicli e movimenti brevi a dinamica elevata con tempi lunghi di funzionamento. Trasmissioni in cui gli assi (due, tre o addirittura quattro) sono sottoposti a molteplici sollecitazioni e carichi. Queste sono le modalità di funzionamento dei robot ad assi paralleli (delta). Costruzione leggera, ingombri ridotti, massima flessibilità ed elevata produttività le esigenze produttive dei costruttori di impianti su cui sono montati.

WITTENSTEIN ha i componenti giusti per queste applicazioni spinte: dai “semplici” riduttori compatti con flangia in uscita TP+, ai servoattuatori ad alte prestazioni TPM+, dai  micromotori cyber® dynamic line, ai riduttori DP+certificati EHEDG per applicazioni a diretto contatto con gli alimenti.

Tutte soluzioni affidabili, che prevengono costosi fermi-macchina e assicurano la massima precisione di posizionamento grazie alla rigidezza estrema e al gioco torsionale ridotto. Gli alti standard qualitativi ne garantiscono una lunga durata e un gioco torsionale costante nel tempo. Con i servoattuatori, inoltre,  è possibile ridurre i consumi energetici del 50%. Perché? Perché, a parità di produttività, l’alta rigidezza del servoattuatore permette l’uso di motori di taglia inferiore, con momenti di inerzia più bassi.

Per saperne di più scaricate il catalogo tecnico o consultate il sito dedicato .

 

A. Suriano

Older Posts »