19 Settembre 2008

Non tirare troppo la cinghia

Nelle applicazioni con cinghia e puleggia è sovente pretensionare la cinghia senza conoscere o aver riflettuto sul valore di pretensionamento. Questo può portare ad un eccessivo carico radiale sull’albero in uscita del riduttore che, in casi estremi, detemina la rottura a fatica dell’albero ed un danneggiamento dei cuscinetti in uscita, nonchè delle parti dentate. Se quindi volete un consiglio, o anche solo un aiuto, nel determinare il valore di precarico non esitate a contattarci.

Quindi… non tirate troppo la cinghia!

Davide Garimoldi

2 Comments »

  1. L’esperienza mi conferma che il sistema migliore è il collegamento diretto tra asse da movimentare e gruppo riduttore evitando qualsiasi ulteriore trasmissione. Considerando inoltre che esistono diverse tipologie di riduttori, ad esempio gli ortogonali ed i coassiali offerti da WITTENSTEIN, è possibile ottimizzare la catena cinematica anche sotto l’aspetto dei carichi derivanti dall’applicazione, della rigidezza del sistema e dei rapporti inerziali.

    Comment by Giovanni La Cecilia — 21 Ottobre 2008 @ 12:31

  2. Salve. E’ possibile avere un valore di riferimento del pretensionamento della cinghia in ogni situazione? Se no quali sono i parametri per determinarne il pretensionamento?

    Grazie mille

    Comment by motoman — 4 Febbraio 2009 @ 18:10

RSS feed for comments on this post. TrackBack URL

Leave a comment

Devi essere connesso per inviare un commento.